Dovile Dagiene

An introduction in 2 series

Suspended Light: Two Suns | Faraway Unknown | 07.12.2018 – 12.01.2019

 

ONEROOM Books è orgogliosa di presentare a Roma i lavori della fotografa lituana Dovile Dagiene, esponendo un estratto delle sue serie più recenti.

 

Suspended Light: Two Suns

Una ricerca al confine tra fotografia analogica ed astrofisica, attraverso stampe uniche ai sali d’argento, realizzate nel 2018.

Doppie esposizioni del sole ad 8 minuti di distanza l’una dall’altra, il tempo che la luce impiega a raggiungere i nostri occhi. Immagini che uniscono in un’unica scala minuti, centimetri ed anni luce.

Questo lavoro può anche esser visto come un esperimento di rappresentazione della temporalità  e del flusso irreversibile del tempo fisico, attraverso i mezzi limitati della fotografia statica.

 

 

Faraway Unknown

 

Una serie più poetica e personale, una sequenza di dittici che l’autrice presenta così:

Questo lavoro è iniziato con una storia personale. Un’estate, poco prima del mio compleanno, i membri della famiglia hanno iniziato a chiedermi cosa avrei voluto.
Il nostro bambino di quattro anni ha sentito quelle conversazioni e si è preoccupato per il regalo che mi avrebbe fatto.

Ricordo di aver parlato di cose di cui non abbiamo bisogno e di regali commoventi quando il mio eroe decise da solo di donare la sua collezione di bastoncini.

E’ stato uno dei doni più straordinari che abbia mai ricevuto.

La collezione di 25 bastoncini che sono stati portati a casa uno ad uno durante l’anno dalle nostre passeggiate quotidiane in città.


Più tardi ho scoperto quante fotografie avevo scattato con un bambino che teneva in mano un bastone.

Ho iniziato a selezionare quelle fotografie. E così la narrazione ha iniziato ad emergere.

 

 

ONEROOM Books is proud to introduce in Rome the works of lithuanian photographer Dovile Dagiene, exhibiting a selection of her latest series.

 

 

Suspended Light: Two Suns

 

A research on the boundaries between analogue photography and astrophysics, unique silver gelatine prints made in 2018.
Double exposures of the sun 8 minutes away from each other, the time that light takes to reach our eyes.

 

Images that combine minutes, centimeters and light years in a single scale.

 

 

The work shall also be seen as an experiment of representing temporality and the irreversible flow of physical time, through the limited means available in static photographic space.

 

This project is dominated by an extended concept of photographic imagery which overlaps with the intimate and common problems of political, cultural, and personal identity of contemporary society.

 

 

Faraway Unknown

 

A more poetic and personal serie, a sequence of diptychs that the author presents as follows:

 

 

This body of work, like most, started with a personal story.

One summer, just before my birthday, the family members began asking what I would like as a gift.
Our four year old son overheard those conversations and became worried about what present he would give me. I remember we have talked about things that we do not need and heartwarming gifts when my hero decided for himself that he will donate his collection of sticks.

It was one of the most remarkable gifts I have ever received.
The collection of 25 sticks that were brought home one by one during the year from our daily walks in the city. 

 

Later on, I found how many photographs I had taken have in them a child holding a stick in his hand.

I’ve started selecting those photographs. And so the narrative has begun to emerge.